Sette anni in Tibet in prima serata su Rai Movie il 14 giugno 2024

Sette anni in Tibet

Sette anni in Tibet

Guida Tv

Con Brad Pitt, Sette anni in Tibet è un film straordinario, un cult del 1997 che è sempre bello rivedere: ecco la prima serata di Rai Movie del 14 giugno 2024.

Il giovane Heinrich Harrer, un alpinista austriaco legato al nazismo, si unì nel 1939 a una spedizione per scalare una montagna in Tibet. L’impresa non andò a buon fine e, al suo ritorno al campo, venne catturato dagli inglesi che nel frattempo erano entrati in guerra contro la Germania. Riuscì a evadere e, in compagnia del suo amico Peter, iniziò a vagare per il Tibet.

Sette anni in Tibet è disponibile in streaming ma anche in prima tv su Rai Movie il 14 giugno 2024, dalle ore 21:10

Sette anni in Tibet è disponibile in streaming ma anche in prima tv su Rai Movie il 14 giugno 2024, dalle ore 21:10

Trama di Sette anni in Tibet

Nel 1939, l’alpinista austriaco Heinrich Harrer partecipa a una spedizione in Tibet con l’obiettivo di scalare il Nanga Parbat. Ignora le preoccupazioni della moglie Ingrid, incinta, e affida la sua cura all’amico Horst.

Nel frattempo, in Tibet, un bambino di quattro anni viene riconosciuto come il nuovo Dalai Lama e inizia a essere venerato dai fedeli.

Quando gli scalatori raggiungono il campo base, vengono catturati dai soldati inglesi nel bel mezzo di una tempesta di neve. Scoprono così che è scoppiata la guerra e che, in quanto austriaci, sono considerati nemici della Gran Bretagna.

Dopo anni di peregrinazioni, i due giunsero a Lhasa, la città sacra dove risiedeva il giovane Dalai Lama. Tra Heinrich e il “dio incarnato” si sviluppò un’amicizia che si trasformò in affetto profondo. Durante i sette anni trascorsi a Lhasa, avvennero eventi significativi, tra cui l’invasione del Tibet da parte dei cinesi, che costrinse tutti a fuggire, incluso il Dalai Lama. Tornato in patria, Herrer riprese la sua attività e riuscì a recuperare il rapporto con un figlio che non aveva mai visto. Heinrich Harrer, autore del libro da cui è tratto il film, è ancora vivo e rimane amico del Dalai Lama, eternamente in esilio. La storia narrata è straordinaria e il film, che ne è tratto, è altrettanto magnifico.

Ispirato ad un’opera autobiografica

Il film “Sette anni in Tibet“, diretto da Jean-Jacques Annaud nel 1997, si basa sull’opera autobiografica di Heinrich Harrer. Nel 1939, Harrer, interpretato da Brad Pitt, accettò un incarico dal Partito nazista e lasciò l’Austria per scalare una delle vette più alte dell’Himalaya, dopo che molti suoi colleghi avevano fallito. Nonostante la moglie incinta desiderasse che non partisse, Heinrich era determinato a tentare l’impresa insieme al collega Peter Aufschnaiter, interpretato da David Thewlis. Tuttavia, la scalata si rivelò più ardua del previsto e, con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, l’Impero Britannico in India arrestò i due scalatori, rinchiudendoli in un campo di concentramento.

Passarono tre anni durante i quali il matrimonio di Heinrich si sfaldò. Tuttavia, riuscirono a pianificare una fuga ingegnosa e, insieme a Peter, si recarono in Tibet, dove furono inizialmente accolti con diffidenza dai monaci buddhisti. Dopo alcuni anni, il Dalai Lama, il giovane Tenzin Gyatso, invitò Heinrich al suo cospetto per chiedergli di creare un cinema. Così iniziò una profonda amicizia tra i due, basata sul rispetto reciproco e il desiderio di conoscere le rispettive culture. Mentre la vita scorreva serenamente, la Cina diventava sempre più minacciosa, mettendo in pericolo la vita del Dalai Lama. Heinrich si trovò a dover difendere la sua nuova casa, crescendo in lui il desiderio di incontrare il figlio ormai adulto.

Curiosità sul film

Alcune curiosità sul film includono il fatto che, a causa del loro ruolo, Brad Pitt e David Thewlis furono banditi a vita dalla Cina. Il regista Jean-Jacques Annaud riuscì a girare alcune scene in Tibet solo nel 1999, per un totale di circa 20 minuti di riprese. Sebbene Richard Gere non avesse accettato il ruolo di Heinrich Harrer, inviò la sceneggiatura al Dalai Lama, che diede la sua benedizione per il film.

Nell’ambito del programma tv, il 14 giugno su Rai Movie inizia con “Madonna che silenzio c’è stasera” alle 08:55, seguito da “The Great Debaters – Il potere della parola” alle 10:30. Alle 12:40 c’è “Revak, lo schiavo di Cartagine“, seguito da “El Cid” alle 14:10. Il pomeriggio continua con “Gli Imperdibili” alle 17:25, seguito da “Ercole contro i figli del Sole” alle 17:30. “I lunghi giorni della vendetta” è alle 19:00, e la prima serata si conclude con “Sette anni in Tibet” alle 21:10.

Dettagli

  • Emittente: Rai Movie
  • Regia: Jean-Jacques Annaud
  • Cast: Brad Pitt, David Thewlis, Dorjee Tsering, BD Wong, Mako, Danny Denzongpa
  • Aggiornato il: 13 Giugno 08:11